lunedì 27 febbraio 2012

Chievo-Perù. Primo torneo nella periferia di Lima

In Perù ora è la migliore stagione dell’anno: estate! Dunque, in un bellissimo pomeriggio di sabato 25 febbraio, tra le sabbiose colline di Amauta, estrema periferia di Lima, si è disputato un piccolo campionato di calcio “Relámpago de Fulbito de los Niños y Adolescentes”. La posta in gioco non era poca cosa: t-shirt e altro materiale griffato del ChievoVerona, arrivato direttamente da Verona in Perù per siglare il nuovo patto di solidarietà che legherà la società sportiva italiana alla crescita sportiva e personale di centinaia di bambini e adolescenti che vivono in uno dei quartieri più disastrati e poveri della capitale peruviana.
Dunque, nell’ambito del Progetto di cooperazione “Il Mestiere di crescere”, promosso dall’ong veneta ProgettoMondo Mlal con un finanziamento dell’Unione europea e, ora anche più forte con il sostegno del ChievoVerona, era stato organizzato un apposito torneo di calcio così da valorizzare al massimo il prezioso dono arrivato dall’Italia.
A fare gli onori di casa, i giovanissimi rappresentanti dell’associazione Manthoc (Movimento dei bambini e adolescenti lavoratori di ispirazione cristiana) e altri rappresentanti della comunità di Amauta, oltre agli operatori dell’Ong italiana ProgettoMondo Mlal.
Sul campetto, ricavato ai piedi di una delle tante colline che circondano la zona, si sono sfidate 6 squadre, tutte formate da ragazzi della zona: in palio, oltre la gloria, vi erano t-shirts e magliette ufficiali da gioco del ChievoVerona…una premio davvero ambito, da esibire ad amici e conoscenti in caso di vittoria.

Le 6 squadre partecipanti erano:

1) NUFAP del distretto El Señore de la Justicia
2) MANTHOC del distretto Amauta A
3) MANTHOC del distretto San Luis
4) JANS del distretto Inmaculada Concepción
5) Squadra del distretto Lomas de Amauta
6) Squadra del distretto Amauta A

Il torneo era a eliminazione diretta, con partite da 2 tempi di 25 minuti ciascuno.
Fin dall’inizio c’e stata grande applicazione tra i ragazzi, con un gioco a tratti ruvido nonostante la giovane età.
Poi, ad aggiudicarsi la vittoria finale è stata la squadra del distretto Amauta A, premiata con le divise del ChievoVerona, tra cui quelle del bomber Sergio Pellissier e del peruviano Cruzado, l’idolo di casa!
Il secondo e terzo posto sono andati, rispettivamente, ai ragazzi del Jans e del Manthoc-Amauta A, premiati a loro volta con t-shirt da allenamento del ChievoVerona e medaglie commemorative.
Alla fine della manifestazione, sorrisi e abbracci per tutti i 70 partecipanti alla competizione, con foto di gruppo sui gradoni di pietra del campo di calcio.
Parallelamente al torneo di calcio, l’associazione Manthoc ha realizzato una tombola nell’ambito della strategia di autofinanziamento dell’associazione.
Una giornata all’insegna dello sport e della solidarietà italiani!!!

da Lima: Mario Magarò

Nessun commento:

Posta un commento

Posta un commento